Pagina:Vivanti - Naja Tripudians, Firenze, Bemporad, 1921.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Naja Tripudians 35


E senza rumore e senza luce Jean Vital si recò quella notte alla capanna solitaria di là dal ponte di San Juan. Lungo la spiaggia i suoi passi cadevano lievi e silenziosi sulla sabbia; indi volse a destra, traversò il ponte e lasciò dietro di sè le luci del villaggio e la luminosa striscia del mare.

E ben altro lasciò dietro di sè in quell’ora Jean Vital che i suoi focosi venticinque anni conducevano a perdizione.

Seguendo la strada, da qualche anno quasi deserta, vide presto, a destra della via, ergersi — ombra sull’ombra — la capanna abbandonata.

Stava per emettere un breve fischio allorchè ricordò l’ingiunzione del ragazzo: «Senza rumore!» E giunto sulla soglia e spinto l’uscio basso e socchiuso, il buio davanti a lui fu così nero che per istinto cercò in tasca gli zolfanelli.... Ma ecco che gli tornò alla memoria l’ordine tre volte ripetuto dal messaggero: «Senza luce».

Si tolse la mano di tasca e la tese brancolando innanzi a sè; indi sussurrò a bassissima voce il nome della donna:

— «Jamana!...»