Pagina:Vivanti - Naja Tripudians, Firenze, Bemporad, 1921.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
72 Naja Tripudians


delicatamente il polso su cui ciondolavano molti braccialetti.

Il polso era buono. Un pochino debole forse.... Si trattava unicamente di una leggera forma di anemia....

Mentre il dottore, cogli occhiali sul fine naso, scriveva la ricetta di liquore arsenicale del Fowler, ferro e ipofosfiti, Lady Randolph uscì a parlargli delle sue due figlie.

— Le ho scorte in chiesa l’altro giorno.... deliziose piccine!... Se osassi, le inviterei a farmi un po’ di compagnia....

Il padre parve subito adombrarsi.

— Oh, Milady! non ci pensi. Sono timide e selvatiche, senza conoscenza di mondo. Non potrebbero che darle noia.

Milady ebbe il buon senso di non insistere.


Ma pochi giorni dopo, insieme allo chèque di una ghinea per la visita professionale, il dottor Harding ricevette da Lady Randolph Grey un invito ad assistere colle sue due figlie a un concerto che avrebbe luogo alle «Acacie» il sabato susseguente. Canterebbero Clara Butt, la Tetrazzini, Van Heuvel; e la celebre danza-