Pagina:Volpini - 516 proverbi sul cavallo.djvu/125

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Mantelli e segni particolari. 99


El cabeza de moro se tenisse ugnia buena valria mas que l’oro.

I cavalli detti capezza di moro, perchè hanno la testa e le estremità nere, epperò differenti dal resto del pelame, sono comunemente creduti di buona riuscita, fortissimi e di lunga vita. Gli spagnoli ritengono però che essi abbiano l’unghia cattiva, donde il proverbio riferito.

19. Il caval balzan di dietro, farà mai del cavalier uno spettro.

È un proverbio arabo. Come già si disse parlando delle balzane, i cavalli che hanno questo segno particolare alle posteriori, sono tenuti in molto pregio e portano fortuna. Secondo il proverbio, questi cavalli non saranno mai causa della rovina del cavaliere.

20. Il miglior cavallo è l’alzano. Il più rapido è il baio. Il più energico il morello. Il più benedetto è quel che ha stella in fronte.

Questa è opinione assai diffusa fra gli arabi.

21. Le cheval à œil verron, est tout mechant ou tout bon.

I francesi chiamano œil verron, quello in cui l’iride è circondata da un circolo biancastro. Anche questo proverbio non è dall’esperienza confermato.

22. Le gris de fer et le jaune de juif, si son maître revient, coupè moi la main.

È proverbio arabo. Un capo di tribù per nessun