Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

145


— «Dove si trovavano precisamente i pirati?» —

A questa domanda, la più vitale di tutte, Arrio ebbe questa risposta:

— «Dopo aver saccheggiato Efestia sull’isola di Lemno il nemico aveva costeggiato la Tessaglia, e, secondo le ultime notizie, era sparito nei golfi fra l’Eubea e l’Eliade.

Allora la popolazione dell’isola raccolta sulle sommità dei colli, per meglio assistere al raro spettacolo di cento navi procedenti in ordine e di perfetto accordo, vide la prima divisione improvvisamente volgersi a nord, seguita dalle altre, come squadroni di cavalleria moventi in colonna. La notizia delle scorrerie dei pirati era giunta all’isola, e nell’osservare le vele bianche che sparivano lentamente fra Nene e Siro, i più pensierosi fra gli abitanti si rallegravano dello scampato pericolo.

Ciò che Roma afferrava con la mano poderosa sapeva anche difendere: in compenso delle tasse, dava ai popoli sicurezza e protezione.

Il tribuno era più che felice avendo appreso le mosse del nemico, e ringraziò riverente la Fortuna. Essa gli aveva portate notizie certe e rapide, e aveva condotto i nemici in una posizione dove la loro sconfitta sarebbe stata più rapida e completa. Egli sapeva quanto danno una sola galera poteva fare in un mare aperto come il Mediterraneo, e quali erano le difficoltà di rintracciarla e punirla. Più facile sarebbe stata la vittoria e maggiore il merito se avesse potuto d’un colpo distruggere tutta la flotta dei corsari.

Se il lettore esamina una carta qualunque della Grecia e dell’Egeo, vedrà che l’isola d’Eubea o Negroponte giace quasi parallela lungo la classica costa dell’Eliade, come un baluardo avanzato contro l’Asia, lasciando fra sè ed il continente un canale lungo centoventi miglia e largo in media circa otto. Dall’imboccatura settentrionale era passata la flotta di Serse, e da quella erano passati gli audaci corsari dell’Eusino, attratti dalla ricchezza delle città lungo i golfi Pelasgici e Melici. Arrio pensava di trovarli non distanti dalle Termopili, e decise di accerchiarli da nord e da sud. Il tempo stringeva, e, abbandonando le frutta, i vini e le donne di Nasso, fece spiegare immantinente le vele, spingendo le navi alla loro massima velocità, finchè, sul far della sera, il monte Ocha apparve nero sull’orizzonte e il pilota annunziò vicina la costa dell’Eubea.

Ad un segnale della nave ammiraglia la flotta si arrestò.


10