Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202

La rara bellezza dei cavalli, la magnificenza del cocchio, l’atteggiamento altiero della persona, ma sopratutto la fredda espressione del volto, le fattezze marcate ed aquiline, caratteristiche della razza dominatrice, proclamavano a chiare note che il tempo non aveva in nulla modificato il carattere sprezzante, audace, cinico, ed ambizioso del giovanetto Romano.


CAPITOLO VIII.


Allorchè Ben Hur scese dai gradini del podio, un arabo sorse in piedi e disse ad alta voce a guisa di proclama:

— «Uomini d’oriente e d’occidente, statemi ad udire! — Il buon sceicco Ilderim vi saluta. — Con quattro corsieri, figli dei favoriti di Salomone il Sapiente, egli è venuto qui per gareggiare coi migliori campioni. Egli ha bisogno di un auriga; grandi ricchezze aspettano chi saprà guidare degnamente i suoi cavalli. Qui ed altrove, nella città e nei circhi, ovunque sogliono adunarsi i forti, fate nota questa sua offerta. Così vuole Ilderim, il generoso sceicco, mio signore.» —

L’invito sollevò un mormorio confuso nel popolo affollato sotto la tenda. Prima di sera quell’invito sarebbe stato diffuso in tutti i ritrovi frequentati dai dilettanti di giuochi olimpici e dai professionisti. Ben Hur sostò un momento guardando indeciso ora l’araldo ora lo sceicco, e Malluch credette ch’egli fosse sul punto d’accettare l’offerta. Fu pertanto con un senso di sollievo ch’egli lo vide invece rivolgersi a lui colla domanda: — «Buon Malluch, ove andremo ora?» —

Rispose Malluch ridendo: — «Se volete seguire l’esempio di tutti quelli che vengono qui per la prima volta andrete subito a farvi predire la vostra fortuna.» —

— «La mia fortuna? Per quanto il suggerimento m’abbia un certo sapore d’infedeltà, andiamo pure dalla Dea.» —

— «Adagio, adagio figlio d’Arrio: questi sacerdoti di Apollo non fanno le cose così. Invece di mettervi a contatto con una Pizia o con una Sibilla, essi vi vendono un papiro e v’invitano ad immergerlo nell’acqua d’una certa fontana, dopo di che potrete leggere in versi il vostro avvenire.» —