Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/373

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

367

toie meno una, la quale, pure immettendo un po’ d’aria libera e un po’ di luce, lasciava la cella nella più desolante oscurità.

Le due donne erano rannicchiate vicino alla feritoia, l’una seduta, l’altra mezza sdraiata, appoggiandosi alla nuda roccia. Esse erano completamente prive di vesti e la luce, penetrando dall’alto, dava loro un aspetto spettrale. Il loro reciproco affetto, ancor vivo, ci è rivelato.dal vederle l’una nelle braccia dell’altra. La ricchezza, i conforti, e le speranze, spariscono, ma l’amore rimane. L’amore è eterno.

Il terreno sul quale le due donne stavano accovacciate, era completamente levigato. Chi avrebbe potuto dire, per quanto tempo, durante gli otto anni, esse eran rimaste sedute davanti all’unica feritoia dalla quale un timido, ma amichevole raggio di luce ravvivava le loro speranze?

Quando la luce faceva capolino esse comprendevano che albeggiava, quando svaniva, capivano che scendeva la notte, in nessun altro luogo così lunga e buia come laggiù!... Il mondo?... Attraverso a quella fessura, come se essa fosse stata larga ed alta al pari della porta di un palazzo reale, esse vagavano pel mondo con la fantasia, cercando l’una il figlio, l’altra il fiatello. Esse lo pensavano navigante sul mare o sbarcato nelle isole; oggi in quella, domani in un’altra città, ma sempre viaggiando, senza tregua, giacchè, come esse vivevano attendendolo, egli doveva certo vivere cercandole. Quante volte, pur essendo lontane, esse s’incontravan con lui col pensiero! Era una così dolce lusinga per esse dirsi l’una coll’altra. — «Finchè egli vivrà non saremo dimenticate, finchè egli si rammenterà di noi ci sarà speranza!» — Chi può comprendere, se non dopo averlo provato, che un nonnulla basta per incuter coraggio? Il ricordo di quei giorni trascorsi così miseramente ci impone il rispetto; le loro sofferenze le rivestono ai nostri occhi di santità. Anche senz’avvicinarci troppo alla prigione ci accorgiamo ch’esse hanno subito un gran mutamento, non dovuto al tempo od alla prigionia. La madre era bella come donna, la figlia bella come giovinetta. Neppur una persona amica avrebbe potuto dire di loro ora la stessa cosa. I loro capelli erano lunghi, arruffati, e completamente bianchi; e da tutta la loro persona spirava un’aria di ribrezzo che avrebbe arrestato il più coraggioso visitatore. Forse soffrivano per l’aria malsana, per le torture della