Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/390

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
384

struggeva di gettargli le braccia al collo, di stringergli il capo al suo, petto e di baciarlo come soleva fare nella sua fanciullezza! Dove trovò ella la forza per resistere all’impulso? Dall’amor suo, o lettore! dal suo amore materno, che, se tu poni ben mente, in questo differisce da ogni altro affetto: che, tenero per l’oggetto, può essere infinitamente tirannico per se stesso; di qui tutta la infinita forza del sacrificio. Neppure se avesse potuto ricuperare la salute e la fortuna, per nessuna benedizione di questa vita, non per la vita medesima, avrebbe permesso che il suo bacio infetto posasse sulla di lui guancia! Eppure ella deve toccarlo; in quell’istante che l’ha trovato, deve rinunciare a lui per sempre! Fate che un’altra madre vi dica l’amarezza di quel pensiero! Essa cadde in ginocchio, e, strisciando fino ai suoi piedi, accostò le labbra alla suola di un sandalo, la toccò una volta e poi un’altra ancora, e infuse tutta l’anima sua in quei baci.

Egli si mosse, ed agitò la, mano. Esse fecero un passo indietro, e l’udirono mormorare in sogno:

— «Dov’è la mamma, Amrah?» —

E di nuovo ricadde in un sonno profondo. Tirzah lo divorava cogli occhi ardenti. La madre nascose il viso nella polvere cercando di soffocare un singhiozzo così profondo e così forte che le sembrava il suo cuore scoppiasse. Quasi desiderava ch’egli si svegliasse.

Egli aveva chiesto di lei; ella non era dimenticata; fin nel sonno pensava a lei. Non era abbastanza? La madre fece un cenno a Tirzah, si alzò, e, gettando sull’assopito ancora un ultimo sguardo, come per stamparne eternamente in cuore l’immagine, riattraversò lentamente la strada. Là, nascoste dall’ombra del muro, si fermarono, e, fissandolo in ginocchio, aspettarono ch’egli si svegliasse. Aspettavano qualche miracolo: non sapevano quale. A noi non è dato misurare la pazienza di un amore come il loro.

Di lì a poco, mentre egli dormiva ancora, un’altra donna apparve sull’angolo del palazzo. Le due lebbrose, accovacciate nell’ombra, la scorsero perfettamente, illuminata come era dalla luna; una figura piccola, curva, scura di carnagione, grigia di capelli, vestita decentemente alla foggia di una serva, e portando un cesto pieno di verdura.

Alla vista dell’uomo coricato sul gradino, la nuova venuta si fermò; poi, come se avesse presa una risoluzione, continuò la sua strada camminando in punta di piedi. Passò vicina al dormiente, s’appressò alla porta, aprì facilmente lo