Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/414

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
408

gente, perchè noi possiamo benedire coll’acqua il nostro pasto mattutino nel Deserto.» —

Ben Hur di affrettò a rispondere.

— «O bell’Egiziana, la mia pietà ti segue. Se puoi resistere ancora un poco, noi troveremo la sorgente che tu cerchi, e ti prometto che le sue acque saranno così dolci e rinfrescanti come quelle della famosa Castalia. Se permetti, affrettiamo il passo. —

— «Ti dò la benedizione dell’assetato» — ella rispose; — «e ti offro in cambio un pezzo di pane proveniente dal forno della città, spalmato con del burro fresco degli opulenti prati di Damasco.

— «Un boccone raro! Proseguiamo.» —

Ben Hur si mise alla testa della comitiva con la sua guida, poichè il celere passo del cammello impediva ogni conversazione prolungata. Dopo un po’ la compagnia giunse ad una gora che rimontò tenendo la sponda destra. Il letto era molle per recenti pioggie ed abbastanza ripido. Di quando in quando si allargava; le rive si facevano rocciose e l’acqua scorreva rumorosa fra larghi macigni, o precipitava fra nubi di spuma in piccole cataratte.

Finalmente, attraverso uno stretto passaggio, i viaggiatori penetrarono in una deliziosa valletta, che ai loro occhi abituati alla sterile e gialla distesa del deserto, appariva un Paradiso terrestre. Qui l’acqua del torrente si diramava in tanti canaletti, serpeggianti ed intrecciantisi fra isole di verdura e gruppi di canne. Alcuni leandri provenienti dalle profondi valli del Giordano, rallegravano coi loro fiori la piccola valle, sulla quale sembrava vegliare in regale attitudine un’unica palma altissima. Le pareti della valle erano coperte di viti. A sinistra, sorgeva una rupe sporgente sopra un boschetto di gelsi, i quali rivelavano, con la loro verzura, la presenza della fonte cercata dai viaggiatori. A questa li condusse la guida, noncurante dei cinguettìi delle pernici e d’altri uccelli dai colori smaglianti, che svolazzavano spaventati dai loro nascondigli.

L’acqua scaturiva da un’apertura scavata nella rupe, che una mano esperta aveva allargato in forma di arco. Scolpita su questa, in grandi lettere Ebraiche, v’era la parola: Dio. L’incisore doveva senza dubbio essersi lì fermato per vari giorni, e, come segno di gratitudine per l’acqua bevuta, vi aveva impresso il nome del Signore.

Dall’arco il ruscello scorreva veloce sopra un grande macigno ricoperto di muschio verdissimo e si gettava quindi