Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/419

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

413

fosse lì curvato, su loro, o seduto al loro fianco — un amico, da pregarsi alla buona, — un Padre che amava tutti ugualmente i suoi figli — Padre degli Ebrei come dei Pagani — Padre universale, che non aveva bisogno di intermediari, nè di Rabbini nè di sacerdoti, nè di dottori. L’idea che tale Dio potesse mandare all’umanità un Salvatore invece di un Re apparve a Ben Hur con una luce non soltanto nuova, ma così vivida, ch’egli potè quasi afferrare la maggior importanza di questo dono, e insieme la più grande coerenza di esso con la natura della Divinità. Non potè a meno di domandare:

— «Adesso che egli è venuto, o Balthasar, credi ancora ch’egli debba essere un Salvatore e non un Re?» —

Balthasar gli lanciò uno sguardo pensoso e tenero.

— «Come dovrò rispondere?» — egli disse. — «Lo Spirito che in forma di stella fu da tanto tempo la mia guida, non mi apparve più dacchè t’incontrai nella tenda del buon sceicco; credo però che la voce che mi parlò in sogno sia la medesima; ma eccettuata quella non ho altre rivelazioni.» —

«— Io ti richiamerò i termini della nostra disputa» — disse Ben Hur con rispetto, — «tu eri dell’opinione ch’egli sarebbe un Re, ma non come lo è Cesare; e che la sua sovranità sarebbe spirituale, non del mondo.» —

— «Oh, sì,» — rispose l’Egiziano, e sono ancora della stessa opinione. Vedo la divergenza nella nostra fede. Tu credevi incontrare un Re degli uomini, io un Salvatore di anime.» —

Egli si fermò con l’espressione di chi tenta di raccogliere un pensiero troppo alto e troppo profondo per essere formulato a parole.

— «Lascia ch’io cerchi, o figlio di Hur,» — egli disse quindi, — «di aiutarti a comprendere chiaramente ciò che credo; e se mi riescirà di dimostrare la superiorità del regno spirituale sopra qualunque manifestazione dello splendore Cesareo, tu comprenderai meglio la ragione per cui m’interesso della persona misteriosa di cui andiamo in traccia.

Non posso dirvi quando l’idea dell’anima ebbe origine. E’ probabile che i nostri primi padri l’abbiano portata con loro dal paradiso dove dimorarono. Sappiamo però che questa idea non si è mai perduta interamente. Se in alcune epoche essa si offuscò e svanì, se in altre fu circondata di dubbi. Iddio continuò a mandarci, ad inter-