Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/468

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
462

Ben Hur le aveva credute morte e coll’andar del tempo s’era rassegnato a quella convinzione; non già ch’egli avesse cessato di rimpiangerle, ma coll’estinguersi d’ogni speranza s’erano dileguate le loro immagini, nel senso ch’esse non figuravano più nei suoi piani d’azione, nei suoi sogni d’avvenire. — Ora che se le vedeva davanti, dubitando dei proprii occhi, stese una mano sul capo della servente e tremante balbettò:

— «Amrah, Amrah! — mia madre! Tirzah! dimmi se è vero — se non m’inganno!» —

— «Padrone, parla ad esse, parla,» — rispose quella.

Non attese altro Ben Hur, ma, aprendo le braccia, si precipitò verso le donne gridando — «Madre! Madre! Tirzah! Sono io!» —

All’esclamazione del figlio rispose quella della madre e della sorella, e con non minor impeto le due donne gli si slanciarono incontro; ma ad un tratto la madre s’arrestò, balzò indietro spaventata e mandò il grido d’allarme — «Sono infetta, sono infetta! Fermati Giuda, non avvicinarti!» —

Non era per effetto d’abitudine che la povera donna emise quel grido, era l’amor materno che, superiore a qualunque altro impulso ed a qualunque considerazione, si affermava. Rapido come un lampo s’era affacciato il dubbio che, quantunque guarite, sussistesse il pericolo di trasmettere il morbo all’amato figliuolo, pel contatto delle vesti. Ma un tal timore nulla poteva su di lui, o meglio ei non vi pensò affatto. Un istante appresso, i tre, così a lungo divisi, versavano lagrime di gioia, stretti in un solo abbraccio.

Quando, passata la prima estasi, si ristabilì la calma, le prime parole della madre furono:

— «Nella nostra felicità figliuoli miei, non dimentichiamo la gratitudine. Inauguriamo la nostra nuova vita coll’innalzare una preghiera a Colui cui tutto dobbiamo;» — e caduti ginocchioni, la vedova recitò ad alta voce la preghiera di ringraziamento. Tirzah, ne ripetè ad una ad una le parole, e così pure Ben Hur, ma era evidente che la sua fede non eguagliava quella della sorella, poichè, alzati che furono, domandò:

— «In Nazareth sua patria, si dice che quell’uomo sia figlio d’un falegname. Chi sarà egli mai?» —

Con lo stesso sguardo di tenerezza dei tempi passati, la madre rispose come già aveva risposto al Nazareno: