Pagina:Wallace - Ben Hur, 1900.djvu/470

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
464

Tacque la madre, e la comitiva si raggruppò all’ombra dell’albero i cui rami sovrastavano alla roccia. Frenando l’impazienza d’accogliere nella casa paterna i suoi cari e di udirvi il racconto della loro vita, Ben Hur spiegò loro la necessità assoluta di conformarsi alle disposizioni di legge regolanti il loro caso, e concluse col chiamare l’arabo per ordinargli di precederlo coi cavalli fin presso la Porta di Bethesda; poi tutti assieme si avviarono al Monte dell’Offesa. Si comprende come in ben diverse condizioni si compisse il ritorno. Camminando rapidamente, con passo leggiero e la letizia in cuore, arrivarono in breve ad un sepolcro eretto in vicinanza a quello d’Assalonne e dominante la vallata di Cedron. Constatato ch’esso non era occupato da alcuno, le donne ne presero possesso, e Ben Hur le lasciò per prendere sollecitamente le disposizioni richieste dalla loro nuova condizione.


CAPITOLO V.


Ben Hur piantò due tende nella valle superiore di Cedron a pochi passi dalla tomba dei Re, le ammobigliò in fretta e furia e vi condusse la madre e la sorella perchè vi soggiornassero in attesa del certificato di libera circolazione che darebbe loro il sacerdote ispettore.

Nel cedere all’impulso del proprio cuore, e nel compiere il proprio dovere di figlio, il giovane si era messo nell’impossibilità di partecipare alle cerimonie della grande festa imminente, o anche solamente di por piede in una delle corti del Tempio, restrizione che gli tornò assai gradita poichè gli permise di dedicarsi intieramente all’adorata famiglia.

Racconti di vicende come le loro, di tristi esperienze attraverso il corso di diversi anni, di patimenti fisici e di più acuti dolori morali, sogliono necessariamente occupare molto tempo, anche perchè gli incidenti di rado si seguono in ben ordinata connessione. — Ben Hur ascoltò la narrazione delle due donne dissimulando sotto la calma apparente i sentimenti che essa gli suscitava nel petto, — sentimenti d’ira e di vendetta, che aumentavano d’intensità di mano in mano che s’accumulavano le raccapriccianti rivelazioni. Pazze idee gli attraversavano il cervello, ed ancor