Pagina:Zibaldone di pensieri I.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(6-7-8) pensieri 83

ducono alla sconvenevolezza e inverisimiglianza che proviene dallo sconvenirsi tra loro in natura quegli attributi della cosa inverisimile, onde la mente che comprende la  (7) sconvenienza degli attributi concepisce l’inverisimiglianza. - Diversi rami della imitazione che formano i diversi oggetti delle belle arti e i diversi generi, per esempio, di poesia, i quali tanto piú son degni e nobili quanto piú degni ec. sono gli oggetti: onde un genere che abbia per oggetto il deforme sarà un genere poco stimabile e da non mettersi per esempio coll’epopea, benché anch’esso sia un genere di poesia, destando la maraviglia e quindi il diletto col mezzo dell’imitazione.

Del bello Del sublime Del terribile Del ridicolo e vizioso ec.
Epopea
Lirica ec.
Lirica
Epopea ec.
Tragica ec. Commedia satira, poesia bernesca ec.
Vari rami del bello.
Bello delicato - grazioso - ameno - elegante. V. Martignoni ec. Annali di Scienze e Lettere, n. 8, p. 252-54. Ci può essere il bello delicato e il non delicato. Ercole, Apollo. Bello sublime. Giove. (8)




*   Provatevi a respirare artificialmente e a fare pensatamente qualcuno di quei moltissimi atti che si fanno per natura; non potrete, se non a grande stento e men bene. Cosí la tropp’arte nuoce a noi; e quello che Omero diceva ottimamente per natura, noi pensa-