Pagina:Zibaldone di pensieri I.djvu/479

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(408-409) pensieri 451

nazioni, virtú pubbliche e private, importanza data alle cose, compassione e carità ec. ec. Tutte le illusioni che sublimavano gli antichi popoli e sublimano il fanciullo e il giovane, acquistano vita e forza nel cristianesimo. Esempio della Spagna fino al 1820. Del suo eroismo contro i francesi ec. Le sue stesse superstizioni non erano altro che illusioni, e però vita. Osservate ancora che tutto quello che v’é di meno della civiltà media nello stato di un popolo è contrario al cristianesimo, o deriva da corruzione di esso, come nello stato de’ bassi tempi, della Spagna ec. Perché il cristianesimo puro conduce, anzi equivale, a una sufficiente e giusta civiltà, quanta né piú né meno conviene all’uomo sociale. D’altra parte osservate che nessun popolo al di qua della civiltà media, nessun popolo al di là, è stato mai cristiano; e viceversa nessun popolo cristiano veramente, è stato mai al (409) di qua né al di là della civiltà media. Le società o barbare assolutamente, o corrotte e barbare per corruzione, sono incivilite dal cristianesimo e portate al detto stato di civiltà media. Esempio de’ popoli barbari convertiti dalla predicazione del Vangelo. All’opposto le società eccessivamente incivilite e strettamente ragionevoli, come anche gl’individui, non sono state mai cristiane. Esempio de’ nostri tempi. In luogo delle qualità dette di sopra, i distintivi di queste società sono l’egoismo, la morte, il tedio, l’indifferenza, l’inazione, la mala fede pubblica e privata, l’assenza di ogni eroismo, sacrifizio, virtú, di ogni illusione ispirata dalla natura nello stato primitivo o sviluppatasi naturalmente nello stato sociale; di ogni illusione che forma la sostanza e la ragione della vita e ch’essendo ispirata dalla natura è confermata dal cristianesimo.

8°. La detta perfezion della ragione è relativa a questa vita. Ma la ragione non può esser perfetta se non è relativa all’altra vita. Perché quel richiamarci ch’ella deve fare alla natura, e alle illusioni naturali, essendo