Pagina:Zibaldone di pensieri II.djvu/471

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
458 pensieri (1169-1170-1171)

vevano anticamente ΠΗ per Φ. Vedi Encyclopédie in H, p. 215 (15 giugno 1821).


*    L’ardore giovanile è la maggior forza, l’apice, la perfezione, l’ἀκμὴ della natura umana. Si consideri dunque la convenienza di quei sistemi politici, nei quali l’ἀκμὴ dell’uomo, cioè l’ardore e la  (1170) forza giovanile, non è punto considerata ed è messa del tutto fuori del calcolo, come ho detto in altro pensiero (15 giugno 1821).


*    Si consideri per l’una parte che cosa sarebbe la civiltà senza l’uso della moneta. Oltre ch’ella non potrebbe reggersi, non sarebbe neppur giunta mai ad un punto di gran lunga inferiore al presente, essendo la moneta di prima necessità ad un commercio vivo ed esteso, e questo commercio scambievole vivo ed esteso, tanto delle nazioni quanto degl’individui di ciascuna, essendo forse la principal fonte dei progressi della civiltà o della corruzione umana. E se bisognassero prove di una proposizione cosí manifesta, si potrebbe addurre, fra gli altri infiniti de’ popoli selvaggi ec., l’esempio di Sparta, che, avendo poco uso della moneta per le leggi di Licurgo, in mezzo al paese piú civile del mondo a quei tempi, cioè la Grecia, si mantenne sí lungo spazio e incorrotta e quasi stazionaria, o certo la sua civiltà o corruzione fu sempre di molti gradi minore di quella degli altri popoli greci e le andò sempre molti passi indietro.

Per l’altra parte si consideri l’immensa  (1171) difficoltà, l’immenso spazio che ha dovuto percorrere lo spirito umano prima di pur pensare a ridurre all’uso suo quotidiano materie cosí nascoste dalla natura, cosí difficili a trarsi in luce, cosí difficili, non dico a lavorarsi, ma a dar sospetto che potessero mai esser lavorate e solamente modificate e cambiate al-