Pagina:Zibaldone di pensieri III.djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(1309-1310) pensieri 79

sare. Per esempio, se una malattia o altro accidente vi ha deformato le unghie, voi sentite quella deformità, perché contrasta colla vostra assuefazione precedente, ed allora (almeno fintanto che non arriviate ad assuefarvi a quella nuova forma) non misurerete gli altri da quello che voi siete, ma piuttosto da quello ch’eravate precedentemente. Se un’unghia vostra è deforme anche sin dalla nascita ec., voi facilmente ve ne accorgerete paragonandola colle altre pur vostre. Se in questa parte del corpo umano voi siete sempre stato assolutamente deforme, cioè grandemente diverso dagli  (1310) altri, allora quel poco che voi potrete accidentalmente osservare delle forme comuni, benché in grosso e non minutamente, potrà bastare a farvi accorgere della vostra deformità, perché la differenza essendo grande sarà facilmente notabile, e vi daranno anche nell’occhio quelle parti in altrui, piú di quello che farebbero in altro caso, e cosí l’assuefazione che formerete contrasterà con quello che vedete in voi stesso. Vi accorgerete però di essa deformità molto piú difficilmente, e la sentirete assai meno di quello che fareste in un altro. Cosí accade di molto maggiori deformità o nostre proprie o di persone con cui conviviamo ec., e vedi la p. 1212, capoverso 2.

Queste osservazioni sono menome. Ma non altrimenti il filosofo arriva alle grandi verità che sviluppando, indagando, svelando, considerando, notando le menome cose e risolvendo le stesse cose grandi nelle loro menome parti. Ed io da un lato non credo che forse si possa addurre prova piú certa di queste osservazioni, per dimostrare come il giudizio, il senso, l’idea della bellezza o bruttezza delle forme degli stessi nostri simili (giudizio e senso influito dalla natura universale piú che qualunque altro) dipende dall’assuefazione ed osservazione, ed, eccetto in certe inclinazioni naturali, non ha assolutamente altra ragione,