Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/178

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3074-3075-3076) pensieri 171

di arsare. Per esempio: 1o, tenido, venido e cento simili sono participii intieri, cioè tenitus, venitus,  (3075) in luogo de’ contratti che usa la lingua latina conosciuta, cioè tentus, ventus ec. Noi in questo e in molti altri casi mutiamo bene spesso l’i in u (scambio che può essere anch’esso antichissimo) dicendo tenuto, venuto ec. I francesi cambiano sovente e comprendono nella lettera u tutte le lettere itus; tenu, venu da tenitus, venitus e cosí ordinariamente. 2o, Corregido è participio intero e senza mutazione di lettera alcuna, cioè corregitus, dal qual regolare participio la lingua latina fece corregtus per contrazione, e indi mutato il g nell’affine palatina correctus ch’é il solo participio rimasto nel latino conosciuto e nell’italiano. Similmente leido (se non che lo spagnuolo omette il g in tutto questo verbo) è il primitivo e regolare legitus (dimostrato da legitare) e da questo viene, non già da lectus, da cui il nostro letto. Anzi, perché veggiate la differenza, da lectus sostantivo lo spagnuolo non fa leido, ma lecho (voce antica),  (3076) equivalendo il ch spagnuolo assai spesso al ct latino. 3o, Movido, nacido, conocido e cento simili sono participii e interi e irregolari, in luogo di contratti ed anomali. Movitus per motus. Nascitus (dimostrato, oltre l’analogia, da nasciturus, come altrove ho notato) per natus ch’é solo oggi nel latino e nell’italiano e nel francese. Cognoscitus, dimostrato, come altrove ho detto, da noscito, per cognitus, ch’é unico nel latino, unico nel francese. Nell’italiano v’é cognitus e v’é anche cognoscitus, mutato al solito l’i in u, e dico mutato, perché in conosciuto l’i è accidentale della scrittura, non proprio della parola, e serve solamente a dinotar la pronunzia delle lettere sc, che poste avanti l’u, senza l’intrapposizione della i, si profferirebbero in altro modo. Cosí l’h è accidentale in dich’io in giuochi ec. ec. Del resto, nacido ec. è proprio lo stesso che nascitus, omessa la s per proprietà moderna, perché