Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/237

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
230 pensieri (3181-3182)

anche in antico) il perfezionamento dell’uomo e dello spirito umano. È dunque dimostrato e fuori di controversia che il perfezionamento dell’uomo include, non accidentalmente ma di necessità inevitabile, il corrispondente e sempre proporzionato deterioramento e, per cosí dire, imperfezionamento di una piccola parte di esso uomo, cioè del suo corpo: di modo che quanto l’uomo s’avanza verso la perfezione, tanto il suo fisico cresce nella imperfezione; e quando l’uomo sarà pienamente perfetto, il corpo umano, generalmente parlando, si troverà nel peggiore stato ch’e’ mai siasi trovato, e in che gli sia possibile di trovarsi generalmente. Se con ciò si possa giustamente chiamare perfezionamento, quello che oggi s’intende sotto questo nome, cioè se l’incremento della civiltà sia perfezionamento dell’uomo, e la perfezione della civiltà perfezione dell’uomo; se una tal perfezione ci possa essere stata destinata dalla natura;  (3182) se la nostra natura la richiegga ed a lei tenda; se veruna natura richiegga o possa richiedere una perfezione di questa sorta; se perciò che l’uomo è civilizzabile, e in quanto egli è civilizzabile ei sia, come dicono, e come stabiliscono e dichiarano per fuori d’ogni controversia, perfettibile; si lascia giudicare a chiunque non è ancor tanto perfezionato, tanto vicino all’ultima perfezione dell’uomo, ch’egli abbia perduto affatto l’uso del raziocinio, e non serbi neppur tanta parte del discorso naturale quanta è propria ancora degli altri viventi (17 agosto, domenica, 1823).


*    Trembler, temblar sono verbi diminutivi, cioè fatti da un tremulare, il quale è da tremere, come misculare (onde mesler, cioè mêler, mezclar, mescolare, meschiare, mischiare) da miscere, secondo che ho notato altrove. Ma essi verbi trembler e temblar hanno il senso del positivo tremere che nel francese e nello spagnuolo non si trova. Noi abbiamo e tremare e tremolare, quello positivo, e