Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/289

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
282 pensieri (3265-3266)

somma che ne’ suoi pensieri ha relazione al futuro, tanto piú si stendono, cioè tanto piú mirano e tendono, o giungono, lontano, quanto minore naturalmente è lo spazio di vita che gli rimane, e viceversa. Niun pensiero del bambino appena nato ha relazione al futuro, se non considerando come futuro l’istante che dee succedere al presente momento, perocché il presente non è in verità che istantaneo, e fuori di un solo istante, il tempo è sempre e tutto o passato o futuro. Ma considerando il presente e il futuro non esattamente e matematicamente, ma in modo largo, secondo che noi siamo soliti di concepirlo e chiamarlo, si dee dire che il bambino non pensa che al presente. Poco piú là mira il fanciullo; ond’é che proporre al fanciullo (per esempio negli studi) uno scopo lontano (come la gloria e i vantaggi ch’egli acquisterà nella maturità della vita o nella vecchiezza, o anche pur nella giovanezza), è assolutamente inutile per muoverlo (onde è sommamente giusto ed utile l’adescare il fanciullo allo studio col proporgli onori o vantaggi ch’egli  (3266) possa e debba conseguire ben tosto, e quasi di giorno in giorno, che è come un ravvicinare a’ suoi occhi lo scopo della gloria e della utilità degli studi, senza il quale ravvicinamento è impossibile ch’ei fissi mai gli occhi in detto scopo, e per conseguirlo si assoggetti volentieri alle fatiche e alle sofferenze ripugnanti alla natura, che gli studi richieggono). Piú si stendono le viste del giovane, ma meno assai di quelle dell’uomo maturo e riposato, i cui calcoli sul futuro oltrepassano bene spesso, senza ch’ei se n’avvegga, lo spazio di vita naturalmente concesso ai mortali. Perciocché l’uomo maturo comincia già a compiacersi supremamente e contentarsi della speranza, e pascerne la sua vita. Della quale speranza si nutre parimente, e con essa favella e delira anche il giovane, e il fanciullo altresí; ma non in modo che d’essa si contentino, e