Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3266-3267-3268) pensieri 283

che non cerchino di prontamente effettuarla e recarla in opera, e venire al fatto. Il che nasce dall’ardore di quelle età, dall’attività dell’animo unita e cospirante con quella del corpo, dalla  (3267) freschezza e forza del loro amor proprio, e quindi dall’energia ed efficacia de’ loro desiderii impazienti d’indugio, e però non sofferenti di proporsi un oggetto ch’ei non possano o ch’ei non credano di potere in poco spazio e dentro un picciolo termine conseguire; finalmente dall’inesperienza ch’egli hanno intorno alla vanità delle umane speranze, alla difficoltà che l’uomo prova in condurle a fine, e alla nullità eziandio degli stessi beni sperati, la quale inevitabilmente apparisce cosí tosto com’ei sono posseduti. Le contrarie cagioni producono la lunghezza e lontananza delle viste nell’uomo maturo e l’eccesso di dette contrarie qualità producono l’eccesso del contrario effetto nella vecchiezza, la quale, ridotta a non potersi ragionevolmente promettere piú che un brevissimo avanzo di vita, pure nella estensione delle sue viste supera di gran lunga tutte le altre età dell’uomo. Perocché il vecchio per la debolezza di corpo e d’animo, e pel disinganno de’ beni umani già provati, e per lo illanguidimento dell’amor proprio che va di pari colla quasi diminuzione e raffreddamento  (3268) della vita, non è capace se non di fievoli desiderii, e quindi si contenta di propor loro uno scopo lontano e in esso fermarli, e i suoi desiderii si contentano di rimanervi; per la diuturna esperienza fatta della vanità e del tristo esito delle speranze, con un quasi stratagemma le indirizza a luoghi cosí lontani ch’elle non possano, se non assai tardi o non mai, avvicinandosi a quelli e giungendovi, scomparire; per la irresoluzione propria dell’età sua, rimettendo ogni azione al dipoi, e costretto di rimettere eziandio e quasi differire le sue speranze, e gli oggetti de’ suoi desiderii, e il loro conseguimento ch’ei si propone, o ch’ei si com-