Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/315

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
308 pensieri (3307-3308)

e di piú impeditane o fattane difficile la libera conversazione, e quindi anche l’intera conoscenza del suo animo, costumi ec., per conseguenza, dico, è divenuto per lui tutto misterioso; il pensiero, dico, e la vista e il consorzio di questo essere l’immerge in una quantità di concezioni, d’immaginazioni, d’illusioni, di sentimenti vivissimi e profondissimi, perché quell’essere gli è per natura dolcissimo e carissimo, ma nel tempo stesso confusissimi, incertissimi, per lo piú falsissimi, sublimi, vasti, perché quel medesimo essere trovandosi essergli quasi tutto misterioso e quasi cosa segreta ed occulta, i pensieri e i sentimenti ch’esso gli desta sono tutti capitalmente e quasi esclusivamente governati e modificati e figurati, e in gran parte prodotti e creati, dalla fantasia, e questa  (3308) gagliardamente mossa. Nello stato naturale l’inclinazione innata dell’uomo verso la donna, trovando tutto aperto e palese, e niun luogo avendovi alla immaginativa, ella non producea che pensieri e sentimenti semplicissimi, distintissimi, chiarissimi, materialissimi. Ora essa inclinazione, esso amore ingenito e naturalmente fortissimo e ardentissimo, trovando il mistero, e i loro effetti congiungendosi nell’animo umano colla idea del mistero, o vogliamo dir con un’idea oscura e confusa, oscurissimi e confusissimi, ondeggianti, vaghi, indefiniti, cento volte meno sensuali e carnali di prima (poiché la detta idea non viene immediatamente dal senso ec.), e finalmente quasi mistici debbono essere i pensieri e gli affetti che risultano da questa mescolanza di sommo desiderio e tendenza naturale, e d’idea oscura dell’oggetto di tal desiderio e tendenza. 1 E cosí da una circostanza

  1. E però l’uomo si rappresenta la donna in genere, e in ispecie quella ch’egli ama, come cosa divina, come un ente di stirpe diversa dalla sua ec. Perocché la natura gliela propone come desiderabilissima e amabilissima, le circostanze gliela rendono desideratissima (perocch’ei non può facilmente né subito ottenerla), ed esse altresí gli nascondono quale ella sia veramente ec.