Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/378

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3410-3411) pensieri 371

scrittore può inesauribilmente e incessantemente derivare, formare, comporre ec. dalle stesse radici, degli stessi materiali, degli stessi capitali e fondi della lingua nostra, profondamente conosciuti e perfettamente posseduti, seguendo sempre e intieramente la vera indole e proprietà d’essa lingua, e conformandosi con tutte le sue qualità sieno intrinseche, sieno estrinseche ec. (9-10 settembre 1823).


*    Gli uomini che vivono in solitudine sono inclinatissimi al metodo. Ma non tanto quelli che nella solitudine sono occupati, o che perciò appunto vivono in solitudine (ne’ quali, siccome in tutti quelli che sono molto occupati, il metodo e l’ordine dell’azioni sarebbe ragionevolissimo, perché l’ordine cosí di luogo come di tempo è sempre risparmio dell’uno o dell’altro, e il disordine al contrario) quanto in quelli che nulla hanno da fare, come malati cronici, carcerati, vecchi ritirati per cagionevolezza dell’età, per debolezza o per abito di pigrizia. Questi sogliono esser metodici fino all’ultimo eccesso. Pare che l’uomo sia tanto piú  (3411) geloso di ordinare la sua vita quanto meno ha da occuparla, o quanto meno la occupa.1 Non potendo o non volendo impiegare il tempo, si occupa a regolarlo e partirlo e distinguerlo. L’ordinare le sue operazioni diviene l’unica sua operazione e occupazione (11 settembre 1823). Io ho conosciuto uno di questi che dal capo al pié della giornata non aveva una sola cosa da fare, e lagnavasi della brevità del tempo, e che il giorno non bastava alle sue occupazioni quotidiane; e perciò sopportava di mala voglia qualunque straordinaria distrazione o altro, che gli occupasse alcun poco di tempo (11 settembre 1823).

  1. Intendo per occupazioni anche le distrazioni, gli spassi ec.