Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 pensieri (3691-3692-3693)

Del resto, se in qualunque modo si volesse credere, come si è creduto finora, che, per esempio, suevi suetum sieno propri perfetti e supini di suesco, e non tolti in prestito, allora si dovrà dire che anche scivi scitum, che sono della  (3692) stessa forma, sieno propri e veri di scisco, ch’è della stessa forma, genere di significato e categoria di suesco. Ma il verbo sciscitor dimostrando il supino sciscitum è un altro esempio che conferma, come noscito, la mia opinione. E la conferma altresí il vedere che il perfetto e il supino di scisco sono infatti, grammaticalmente, gli stessi che quelli di scio, verbo noto ed esistente e usitato, e verbo riconosciuto fuor di dubbio per origine di scisco. Vedi p. 3763.

Niteo es ui - nitesco is. Albeo es - albesco is. Nigreo es ui - nigresco is. Flaveo es - flavesco is. Horreo es ui - horresco is. Candeo es-ui, candesco is - excandesco is ui (notate lo stesso perfetto di candeo, che certo, almeno grammaticalmente, è di excandeo ignoto, e non, come dicono, di excandesco. Cosí dite di extimesco e pertimesco is,  (3693) che hanno il perfetto ui, il quale grammaticalmente è certo di un pertimeo e di un extimeo, da timeo che ha infatti timui. E trovasi veramente pertimens, e fors’anche il verbo extimeo. Crebresco is ui. Flammesco is (14 ottobre 1823). Concupisco is - concupio. Il proprio senso de’ verbi in sco è quale l’abbiam definito: pur se ne troverà che o sempre o per lo piú o talvolta abbiano un senso diverso, per esempio, conforme a quel de’ loro verbi originali noti o ignoti.1) Ciò non fa meraviglia. Il simile ho notato accadere ne’ continuativi. E questo esempio de’ verbi in sco, del cui proprio significato non v’è controversia,2) può servire a rispondere a

  1. Vedi, per esempio, la definizione di tremisco nel Forcellini.
  2. Vi sono anche molti altri esempi simili di molti generi di verbi che per negligenza degli scrittori, o per dimenticanza del loro primo destino ec. ec., escono sovente de’ termini, del modo e proprietà generali del loro significato ec. ec.