Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/242

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3854-3855) pensieri 237

Se il supino è in itum o contratto, mentre il preterito è in evi, come abolitum di aboleo abolevi, adultum di adoleo evi (comparato con adolesco: adolesco ha evi, adoleo ha ui), allora esso supino non nasce certo dal perfetto in evi, ma nasce ed è segno certo di un altro perfetto noto o ignoto, in ui. Infatti ne’ citati esempi Prisciano riconosce ad aboleo un abolui, e bene: adolui di adoleo è noto e usitato; è noto anche adolui di adolesco, benché rarissimo, dice il Forcellini. Vedi p. 3872.

Mi pare che queste osservazioni sieno mirabilmente utili a scoprire l’analogia, la ragione, le cause della lingua e grammatica latina, e delle sue apparenti anomalie ec. ec. e a stabilir regola e cagione dove gli altri non veggono che capriccio, varietà, disordine, arbitrio e caso ec. (10 novembre 1823).


*    Quello che noi chiamiamo spirito nei caratteri, nelle maniere, ne’ moti ed atti, nelle parole, ne’ motti, ne’ discorsi, nelle azioni, negli scritti e stili ec. ci piace, e ciò a tutti, perch’egli è vita, e desta sensazioni vive sotto qualche rispetto, o desta sensazioni qualunque, e molte, e spesse, il che è cosa viva, perché il sentire lo è. Infatti lo spirito si chiama anche vivacità ec. o semplicemente, o vivacità di spirito, di carattere, stile, modi ec. ec. Il suo contrario in certo modo è morte, e non desta sensazioni, o poche, leggere,  (3855) non rapide, non varie, non rapidamente succedentisi e variantisi, il che è cosa morta. Noi lo chiamiamo spirito perché siamo soliti di considerar la vita come cosa immateriale, e appartenente a cose non materiali, e di chiamare spirito ciò ch’é vivo e vive e cagiona la vita ec.; e la materia siamo soliti di considerarla come cosa morta, e non viva per se, né capace di vita ec. (10 novembre, ottava del dí de’ morti, 1823)