Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/260

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3875-3876) pensieri 255



*    Ho detto altrove che patulus sembra diminutivo positivato di un patus. Male. Non tutti i nomi in ulus, né tutti i verbi in ulare sono diminutivi: neppur per origine e regola di formazione; per esempio, iaculum da iacio, speculum e specula da specio, vehiculum, curriculum, adminiculum, amiculum da amicio, periculum da πειράω, iaculari, speculari, famulus, famulor ec., retinaculum, miraculum, obstaculum, stimulus, stimulo, stabulum, stabulo, pabulum, poculum, fabula, fabulor ec. (vedi la p. 3844), crepitaculum, sustentaculum, baculum, baculus, osculum, ec. Patulus è di questi, fatto a dirittura da pateo ec. (13 novembre 1823). Fors’anche oculus è di questi, contro il detto altrove. Vedi Forcellini ec.


*    Alla p. 3873. Resta però quello che io per l’addietro ho sempre detto circa i supini della terza e quarta. E la presente correzione non riguarda che la prima e seconda. Lectum, cioè legtum, è vera contrazione di legĭtum, è fatto per soppressione dell’i, suppone e dimostra legĭtum, gli è posteriore, i supini veri e regolari e non contratti della terza e quarta sono in ĭtum e ītum e non altrimenti ec. I contratti della terza e quarta, come lectum, quaestum, sono contrazioni de’ supini in itum e fatti per soppressione dell’esilissima vocale ĭ o ī. I supini in ǐtum della prima e seconda vengono da’ contratti e son fatti al contrario di quelli per addizione dell’esilissimo suono ĭ (13 novembre 1823).


*    Alla p. 3873, margine - e non contratti. Come venio is veni.  (3876) Perde spesso la i, come in venerunt, veneram ec. per venierunt venieram ec., che sarebbe il regolare; o ciò sia anomalia, o contrazione, ch’io piuttosto credo. La qual contrazione ha principio nella stessa prima voce del perfetto veni per venii. Anzi da questa nasce il tutto ec. Cosí ne’ composti,