Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/462

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(4079) pensieri 457

di mancamento alcuno verso la patria, per aver commosso o cercato di commuovere sopra una sventura de’ suoi nazionali seguíta per opera di stranieri? Anzi chi non riputò e questo proposito e la scelta del soggetto nazionalissima e degnissima quanto qualunque altra di un buon cittadino? perocché il poeta non volle far piangere sopra i nemici della Francia, ma sopra i francesi sventurati. Or questo appunto fece Frinico, il quale non commosse le lagrime sopra i barbari né per li barbari, ma sopra i greci e per li greci. E per questo medesimo fu condannato, e sarebbe stato applaudito per lo contrario, e stimato buon cittadino, se avesse fatto piangere e rivolta la compassione e pietà degli uditori sopra i nemici della nazione, come fece Eschilo ne’ Persiani, tragedia che ha per soggetto e per materia unica di pietà e di terrore i mali de’ nemici della Grecia, né però fu condannata da alcuno, né stimata altro che nazionalissima. Tale appunto né piú né meno si è il caso della Iliade, che fa piangere quasi unicamente o certo principalmente sopra e per li troiani nemici de’ suoi (23 aprile 1824).

fine del volume sesto.