Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(4088-4089) pensieri 9


*    Bien razonado, cioè que razona bien. Cervantes, Novelas exemplares, Milan, 1615, p. 2 (13 maggio 1824).


*    Malheureux per scellerato e peggio ancora, cioè aggiuntovi il disprezzo. Aggiungasi al detto altrove in questo proposito (14 maggio 1824).


*    Affidé, cioè fidato, per fido, fedele. Aggiungasi al detto altrove sui participi aggettivati o sostantivati, come anche affidé talora è sostantivo (14 maggio 1824).


*    Ai frequentativi in esso, altrove notati, aggiungi petesso o petisso, da peto, del quale vedi Forcellini, aggiungendo a’ suoi esempi due che si trovano nel lungo frammento di Cicerone, de suo Consulatu, che sta nel primo de Divinatione, i quali esempi dimostrano pur la forza frequentativa di petesso (15 maggio 1824).


*    Nei frammenti delle poesie di Cicerone, massime in quelli delle sue traduzioni di Arato, che si trovano principalmente citati da lui, come nei libri de Divinatione ec., sono abbondantissimi i composti, e in particolare quelli fatti di piú nomi, alla greca (come mollipes), gran parte de’ quali, se non la massima, non debbono avere esempio anteriore, e mostrano essere coniati da lui ad esempio del greco, e forse per corrispondere a quelli appunto che traduceva (15 maggio 1824).


*    Εὐθὺς ἐν ἀρχῇ τοῦ λόγου. Luciano, Opera, 1687, t. I, p. 887 (15 maggio 1824).


*    Diminutivi positivati. Ranunculus (onde ranocchio, grénouille ec., di cui altrove). Vedine la definizione nel Forcellini (15 maggio 1824).  (4089)