Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/439

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
430 pensieri (4495-4496)



*    Gringotter. Parlottare. Cantacchiare. Vezzeggiare. Bamboleggiare. Boursiller.


*    Acutus da acuo, participio aggettivato, e non piú riconosciuto per participio. Argutus, cioè qui arguit; e participio aggettivato. Desolato per solo (uomo o luogo). Vedi Crusca, Forcellini


*    Parvulus, parvolo. pargolo. Pluvia, piova - pioggia.


*    Pargolo è diminutivo. Pur è già antiquato, e nella prosa non si usa piú che il sopraddiminutivo pargoletto. Tanta è la tendenza del popolo a diminuire. Cosí in Toscana oggi non odi piú piccolo, ma piccino (27 aprile). In latino pusillus per l’antiquato pusus.


*   Pina - pinocchio. Vedi Crusca. Innamoracchiare, innamorazzare, amoreggiare.


*    Gravato per grave. Petrarca: L’aere gravato e l’importuna nebbia.


*    Ci piace e par bella una pittura di paese, perché ci richiama una veduta reale; un paese reale, perché ci par da dipingerci, perché ci richiama le pitture. Il simile di tutte le imitazioni (pensiero notabile). Cosí sempre nel presente ci piace e par bello solamente il lontano, e tutti i piaceri che chiamerò poetici, consistono in percezion di somiglianze e di rapporti, e in rimembranze (Recanati, 27 aprile 1829).


*    Life-to live. E simili innumerabili.  (4496)


*   Folâtre, folâtrer. Folleggiare, pazzeggiare ec. Vedi Crusca.


*    Dives, divitis, divititae ec. - dis, ditis, Dis Ditis, ditare ec.