Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/466

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(4520) pensieri 457


*    Beatus, participio aggettivato. Trambasciato, trangosciato ec. Trasognato. Moderato ec., smoderato, immoderato ec. Invisus per odioso.


*    Σχολὴ ozio chiamavano gli antichi i luoghi, i tempi ec. degli studi, e gli studi medesimi (onde ancora diciamo, senza intendere all’origine, scuola, e scolare per istudente, e gl’inglesi scholar per letterato, che dall’etimologia sonerebbe ozioso) che per gran parte di noi sono il solo o il maggior negozio (7 luglio).


*    Succhio (succulus) per succo.


*    Δίος, dius-divus.


*    Ieiunus 1o, participio contratto, a quanto pare, da ieiunatus (cosí fors’anche festinus); 2o, in senso di qui ieiunavit o ieiunat. Delirus.


*    Mordeo, morsum - morsicare, (corrottamente mozzicare, smozzicare), morsecchiare.


*    Simus costantemente per sumus. Augusto ap. Svetonio, in Aug. c. 87.; Messala, Bruto ed Agrippa ap. Mario Vittorino, de Orthographia, p. 2456.


*   Manibiae per manubiae pur costantemente nelle iscrizioni Ancirane composte pur da Augusto. Contibernali in un antico monumento ap. Achille Stazio, ad Sveton., De A. Rhetoribus.


*    Bubulcitare.


*    Alla p. 4491. In un luogo piccolo vi sono partiti, amicizia non v’è. Vale a dire, che delle persone, per trovarsi ciò convenire ai loro interessi, saranno unite e collegate insieme per certo tempo (per lo piú contro altre); ma non mai amiche. Amicizia non può essere