Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(4125-4126) pensieri 49



*    Mille-mila plur. da millia: e così miglio-miglia.


*   Gerere - belli-gerare, fami-gerare ec.


*   Altro ridondante. Ricordano Malispini, Stor. Fior., Firenze, 1816, c. 95, fine. Il Villani nel luogo parallelo, lib. 5o, c. 33, omette altri (3 marzo 1825).


*   Ἐμβαλοῦσα εἰς κύλικα τοῦ φαρμάκου, il genitivo per l'accusativo. Herodian., Histor., lib. I, ed. Lugd., 1611, p. 50 (5 marzo 1825).


*   Diminutivi positivati. Ἀτμὸς-ἀτμὶς ίδος. Scapula ed Erodiano, l. c., p. 13, fine. ὅρος-ὅριον.


*   Σωμάτιον per σῶμα (come dice poco dopo). Erodiano, Histor., l. II, init.  (4126)


*   Χωρὶς, ἄνευ per oltre, praeter, come il nostro senza, e il francese sans, e à moins e lo spagnuolo sin e a men (o amen) de ec. Vedi Forcellini se ha nulla ec. (8 marzo 1825).


*   Ferramenta, vasellamenta, e simili, da' nomi in ento. Comandamenta.


*   Dalla mia teoria del piacere séguita che l'uomo e il vivente, anche nel momento del maggior piacere della sua vita, desidera non solo di più, ma infinitamente di più che egli non ha, cioè maggior piacere in infinito, e un infinitamente maggior piacere, perocché egli sempre desidera una felicità e quindi un piacere infinito. E che l'uomo in ciascuno istante della sua vita pensante e sentita desidera infinitamente di più o di meglio di ciò ch'egli ha (12 marzo 1825).


*   Discordato per discordante, discorde.

Leopardi.Pensieri VII VII. 4