Pensieri (Tarchetti)/L'amore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'amore

../ ../La donna IncludiIntestazione 26 maggio 2016 100% saggi

Pensieri (Tarchetti) La donna


[p. 139 modifica]

L’AMORE.


L’amore è Dio, Dio è l’universo, e l’universo è amore.




I giovani che non si sono trovati per gran tempo al contatto della società, a cui lo studio e il ritiro hanno conservato qualche cosa di vergine nella loro natura, concepiscono raramente degli affetti colpevoli. Il loro primo amore è sempre un amore purissimo, talora tutto ideale, sdegnoso di un pensiero che lo contamini, e spinto al puritanismo più rigoroso; oltre a ciò l’amore non sembra proprio che dell’età dell’innocenza — epoca in cui si ama tutto e non si odia nulla — e coloro che non amarono in quell’età, amarono difficilmente nel resto della vita. Vediamo non meno come gli stessi uomini corrotti non si astengano mai dal rendere un omaggio all’amor puro e costante, e tutta l’umanità operi, e parli, e scriva di esso o per esso dacchè è sulla terra, e lo consideri come la religione più nobile e più sublime dell’anima umana. Da tutto ciò [p. 140 modifica]parmi poter dedurre una cosa, la natura celeste di questo sentimento.


La maggiore efficacia dell’abitudine apparisce nella durabilità degli affetti. L’amore può sorgere da cause svariatissime, non di rado potenti, ma la sua forza non l’attinge mai che dall’abitudine. È dessa che rafforza i vincoli della famiglia, che accomuna e armonizza caratteri opposti, che conserva alle nostre affezioni, anche cessate, quel non so che di esigente, di doveroso, di inesorabile, a cui ci sottoponiamo senza resistere, ma di cui non sappiamo darci ragione. Molte creature si amarono per tutta la vita, pel solo motivo che ebbero la forza di amarsi da principio per un pajo di mesi: e sentiamo tuttodì esclamare: come abbandonarci? è impossibile, è tanto tempo che ci amiamo!...


Si suol dire che l’amore non mira che al possedimento e che con esso finisce, e non si distingue tra la passione e l’amore. È la passione che si uccide col possedimento, ma l’amore incomincia con esso e perdura. L’una cosa è dei sensi, l’altra dell’anima. Si [p. 141 modifica]dovrebbe dire degli amanti: si piacciono — dei coniugi: si amano.


Questo amore che si rafforza col progredire della vita, e sembra tanto più ingigantire quanto più si distacca da essa, ci fa fede della sua continuazione al di là della morte. Il dolore che accompagna il morire, il rimpianto che lo segue, il desiderio che lasciamo di noi morendo sembrano dirci che una sola cosa portiamo con noi dalla terra, l’amore.