Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1416

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1416

../1415 ../1417 IncludiIntestazione 16 dicembre 2013 100% Saggi

1415 1417

[p. 147 modifica] quindi o grazia o bellezza) mille cose che a noi italiani (se conserviamo il gusto italiano, o l’antico) e anche agli altri, paiono o affettate o certo ricercate, artifiziate, studiate; o finalmente assai meno vicine alla natura di quello che paiono ai francesi, e quindi vi sentiamo assai meno grazia e bellezza, o nessuna, o anche bruttezza; ovvero le riponiamo nel numero delle bellezze d’artifizio ec. Esempi, La Fontaine, modello di semplicità per li francesi, Fénelon di grazia, Bossuet di sublimità ec. Ma i francesi tanto lontani dalla natura sono colpiti da quello che n’é piú vicino, benché riguardo al nostro stato ne sia per anche troppo lontano. Viceversa quello che a noi italiani par semplice, naturale, bello, grazioso, ai francesi pare cosí eccessivamente semplice, che non par loro naturale (giudicando, come sempre accade, della natura, dalla condizione in cui essi si trovano), né vi sentono grazia o bellezza, ma viltà, bassezza e deformità. Ed è cosa ordinarissima e frequentissima che la grazia, [p. 148 modifica]la semplicità, la naturalezza