Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1528

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1528

../1527 ../1529 IncludiIntestazione 1 ottobre 2014 100% Saggi

1527 1529

[p. 213 modifica] il nobile, tutto il mirabile, tutto il sublime della nostra immaginazione. Le qualità piú eroiche e piú poetiche, lo stesso sentimento, entusiasmo, genio, la stessa immaginazione diventa impoetica, s’ella non si considera come dono della natura; e lo scrittor di gusto, e massime il poeta, deve ben guardarsi dal considerarla altrimenti o dal presentarla sotto altro aspetto. Virgilio diverrebbe nella nostra immaginazione poco diverso da Mevio (qual egli era infatti naturalmente), Achille da Tersite; Newton si riconoscerebbe superiore per solo caso al piú povero fisico peripatetico (20 agosto 1821).


*    Come la grazia sia relativa si riconosce anche in ciò. Un aspetto femminile negli uomini è veramente sconveniente perch’é fuor dell’ordinario. Pur questa sconvenienza alle donne bene spesso par grazia, agli uomini bruttezza; ed io ho veduto de’ visi e delle [p. 214 modifica]forme femminili, che agli uomini facevano nausea, far gran fortuna e colpo nelle donne al solo primo aspetto, ed esser da loro generalmente riputate bellissime. Cosí viceversa può dirsi del