Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1873

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1873

../1872 ../1874 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

1872 1874

[p. 416 modifica] poi veramente armonie o melodie non glielo impedisse. Tale è il caso del volgo, della gente rozza o non assuefatta a udir musiche, e proporzionatamente, degli uomini non intendenti di quest’arte. I quali tutti in udir tali nuove armonie sono dilettati da’ soli suoni e dalle altre cause di diletto che altrove ho spiegato, ma non già dall’armonia o melodia in quanto armonia e melodia, perocch’essi non la ravvisano. E però piacciono soprattutto, o piú universalmente, le melodie chiamate popolari, cioè conformi particolarmente o generalmente alle assuefazioni particolari o all’assuefazione generale del comune degli uditori in fatto di melodie ec. Le armonie o melodie affatto nuove ordinariamente non piacciono che agl’intendenti, i quali sentono la difficoltà e le raffrontano colle regole ch’essi conoscono ec. E questi medesimi provano a primissima giunta un senso di discordanza, che però presto svanisce, e ch’essi immediatamente ravvisano per illusorio; ma si può dir che ogni assoluta novità in fatto di musica contiene e quasi consiste in un’apparenza