Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1911

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1911

../1910 ../1912 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

1910 1912

[p. 437 modifica]anteriore all’esistenza e quindi per sua stessa natura non esistente e vano; giacché la perfezione assoluta, (o il tipo di essa) e l’esistenza sono termini contraddittorii (13 ottobre 1821).


*    Alla p. 1906, fine. Infatti, siccome le qualità che l’uomo porta dalla natura non sono altro che disposizioni, cosí la corrispondenza che deve rappresentar nell’esterno queste qualità interne non può esser piú che una disposizione dell’esterno a rappresentarle (13 ottobre 1821).


*    Alla p. 1880. I re da principio erano anche piú che altro i condottieri degli eserciti. La persona del generale si è divisa da quella del principe e i re hanno lasciato di esser guerrieri, e non si sono vergognati di non saper comandare alle proprie armate, né dirigere e adoperar la forza del proprio regno, non tutto ad un tratto, ma a poco a poco e in proporzione che il mondo e le cose umane hanno perduto il loro vigore ed energia naturale e che l’apparenza ha preso il luogo della sostanza: nello stesso modo e per la ragione appunto per cui, seguitando e crescendo il detto andamento delle cose, i principi non si sono neppur vergognati di non sapere o non voler governare e di farsi servire anche in questo dai sudditi che per questo solo lo mantengono a loro spese. Onde i re non hanno conservato altro uffizio che di prestare il nome al governo o alla tirannide, rappresentate il principato, com’essi stessi sono rappresentati talvolta e venerati ne’ loro ritratti e servire alla cronologia, come i consoli eponimi de’ tempi imperiali, a’ fasti di Roma. I principi non sono piú quasi altro che ritratti della monarchia, dell’autorità. Essi sono i rappresentanti de’ loro ministri, e non viceversa. Cosí oggi il mondo non sa piú a chi s’en prendre del bene o del male che riceve dal suo governo