Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1915

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1915

../1914 ../1916 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

1914 1916

[p. 439 modifica]


*   Una cagione del piacere che produce la semplicità nelle opere d’arte o di scrittura, o in tutto ciò che spetta al bello; cagione universale e indipendente dall’assuefazione quanto al totale dell’effetto ed inerente alla natura del bello semplice; si è il contrasto fra l’artefatto e l’inartefatto o la perfetta apparenza dell’inartefatto. Contrasto il quale può essere, 1o, tra le altre bellezze e qualità dell’opera, che, stante la loro perfezione, non paiono poter essere inartefatte e la semplicità o naturalezza che tutte le veste e le comprende, la quale è, o pare, del tutto inartefatta; 2o, fra la stessa natura della semplicità e naturalezza che per se stessa par che includa lo spontaneo e non artefatto, e il sapere o accorgersi bene, com’é naturale, ch’essa, malgrado questa perfetta apparenza, è non per tanto artefatta e deriva dallo studio. Contrasto il quale produce la meraviglia che sempre deriva dallo straordinario,