Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2309

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2309

../2308 ../2310 IncludiIntestazione 4 settembre 2015 100% Saggi

2308 2310

[p. 160 modifica] grano fabae adhaeret. Dunque egli non sa propriamente che significhi, né si sapeva al suo tempo. Ed è cosa ben naturale [p. 161 modifica]quando tante parole di Dante e d’altri trecentisti o duecentisti, meno lontani da noi che le origini della lingua latina da Festo, sono o di oscurissima e incertissima o di perduta significazione.

Io credo che esso non significhi altro che materia o cosa esistente (che per li primitivi uomini non poteva essere immaginata se non dentro la materia, ed estendi questo pensiero). E penso che sia né piú né meno l’ὕλη dei greci, ossia quell’antichissimo hilh o hulh, che abbiamo detto.

Vogliono che nihil sia troncamento di nihilum. Al contrario, a me pare che nihilum sia parola cosí ridotta da nihil, perché divenisse capace di declinazione. Che troncamento barbaro sarebbe stato questo e quanto contrario al costume latino, se da nihilum primitivo avessero fatto nihil! e non piuttosto viceversa,