Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2449

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2449

../2448 ../2450 IncludiIntestazione 25 settembre 2015 100% Saggi

2448 2450

[p. 247 modifica] antiche o moderne che sieno, e per diversissime che vogliano essere da quelle che correvano quando la lingua greca era in fiore. E simile in ciò credo che le sia la tedesca. Abbia cura di conservarsi tale.

Perocché tali son tutte ne’ loro principii. Ma perfezionandosi, e però civilizzandosi e pigliando commercio con lingue e letterature e nazioni straniere, e cosí impinguandosi di parole forestiere che per lei divengono radicali, dismette l’uso della composizione ec., e per pochi momenti supplisce bene a’ suoi bisogni colle radici pigliate in prestito, ma di lí a poco o diviene una stalla d’Augia a forza di stranierismi moltiplicati in infinito o, volendosi conservar pura, non può piú parlare, perché s’é lasciato cadere il solo istrumento che avesse per supplire alla novità delle idee conservandosi pura, cioè il coltivare e far fruttare le sue proprie radici. E forse perciò conservarono sempre i greci questa facoltà, perché poco pigliarono da’ forestieri, o non volendo prendere per la nota loro superbia nazionale o perché realmente non si trovavano intorno altra nazione letterata e