Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2919

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2919

../2918 ../2920 IncludiIntestazione 3 dicembre 2016 100% Saggi

2918 2920

[p. 77 modifica] non già viceversa. Vedi il Forcellini in Rapio, col. 1, fine, Rapto, fine, Raptus l’esempio di Claudiano. Gli spagnuoli similmente hanno, per esempio, demasiado avverbio e aggettivo ec. (8 luglio 1823).

*    Noi usiamo volgarmente il verbo volere applicandolo a cose inanimate o ad esseri immaginari, e talvolta impersonalmente, in modo ch’egli o sta per potere o ridonda e non fa che servire a una perifrasi, per idiotismo e per proprietà di lingua. Per esempio, La piaga non se gli vuole rammarginare. Cioè, Non si può far che la piaga se gli rammargini, ossia La piaga non se gli può ancora rammarginare. Qui volere sta per potere. Se il cielo si vorrà serenare, se la stagione si vorrà scaldare, se il vento vorrà cessare, se il negozio vorrà camminar bene, se la pianta vorrà pigliar piede, l’erba non ci vuol nascere. Cioè, se piglierà piede, non ci nasce. Qui volere ridonda. Da piú mesi non è voluto piovere. Cioè, non è piovuto. Qui volere ridonda ed è impersonale. Anche in francese: cette machine ne veut pas aller, ce bois ne veut pas brûler. Alberti. Cosí, mi pare, anche in spagnuolo.

Ora questo grazioso idiotismo proprio della nostra lingua fu proprio altresí della piú pura lingua greca [p. 78 modifica](anzi, secondo i grammatici, egli è un atticismo) e fu adoperato