Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2936

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2936

../2935 ../2937 IncludiIntestazione 3 dicembre 2016 100% Saggi

2935 2937

[p. 87 modifica]


*    Le cose ch’esistono non sono certamente per se né piccole né vili: né anche una gran parte di quelle [p. 88 modifica]fatte dall’uomo. Ma esse e la grandezza e le qualità loro sono di un altro genere da quello che l’uomo desidererebbe, che sarebbe, o ch’ei pensa esser necessario alla sua felicità, ch’egli s’immaginava nella sua fanciullezza e prima gioventú, e ch’ei s’immagina ancora tutte le volte ch’ei s’abbandona alla fantasia e che mira le cose da lungi. Ed essendo di un altro genere, benché grandi, e forse talora piú grandi di quello che il fanciullo o l’uomo s’immaginava, l’uomo né il fanciullo non è giammai contento ogni volta che giunge loro dappresso, che le vede, le tocca, o in qualunque modo ne fa sperienza. E cosí le cose esistenti, e niuna opera della natura né dell’uomo, non sono atte alla felicità dell’uomo (10 luglio 1823). Non ch’elle sieno cose da nulla, ma non sono di quella sorta che l’uomo indeterminatamente vorrebbe, e ch’egli confusamente giudica, prima di sperimentarle. Cosí elleno son nulla alla felicità dell’uomo, non essendo un nulla per se medesime. E chi potrebbe chiamare un nulla la