Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3297

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3297

../3296 ../3298 IncludiIntestazione 28 settembre 2017 100% Saggi

3296 3298

[p. 301 modifica]

[p. 302 modifica]superano, ordinariamente parlando, gli uomini, gli antichi, i selvaggi, i villani e cosí discorrendo. Conforme appunto alle cose dette nelle succitate pagine.

Ond’é che le donne, in quanto piú deboli e bisognose d’altrui, sieno meno misericordiose e benefiche degli uomini; in quanto di corpo e d’animo piú delicate, al contrario. Ma in ciò quelle qualità, cioè la debolezza e il bisogno, credo che ordinariamente prevagliano e sieno di maggiore e piú notabile effetto che queste, cioè la delicatezza e simili. Onde, tutto insieme compensato, le donne sieno in verità, generalmente e per natura, piú egoiste, e quindi meno misericordiose (massime in quanto alla compassione efficace) e meno benefiche degli uomini. Perocché molto maggior parte ha nella beneficenza, nella disposizione e nell’atto del sacrificar se stesso, e nell’esclusione dell’egoismo, l’intensità, la forza, l’abbondanza della vita, e quindi dell’amor proprio, che la delicatezza e raffinatezza dell’animo disgiunte dalla forza ed energia ed attività ed interna vivace vita del medesimo. E ciò non pur negli uomini rispetto