Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/334

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 334

../333 ../335 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

333 335

[p. 397 modifica]*    Non c’é uomo costituito in carica o dignità, il quale confessi di averla cercata e non dica o voglia fare intendere d’esserne stato rivestito spontaneamente anzi contro sua voglia ec. Gl’incarichi, le dignità, gli onori, ciascuno li cerca e nessuno gli ha cercati.

*    Laerzio, Vit. Speusippi, l. 4, segm. 2, dice di Speusippo: Οὗτος πρῶτος, καθὰ φησι Διόδωρος ἐν ἀπομνημονευμάτων πρώτῳ, ἐν τοῖς μαθήμασιν ἐθεάσατο τὸ κοινὸν καὶ συνῳκείωσε καθ᾽ὅσον ἦν δυνατὸν ἀλλήλοις. Questo è notabile nei progressi dello spirito umano. Ma non so quanto sia vero, perché Platone aveva già riunite e legate nel suo sistema filosofico la fisica (compresa l’astronomia), la metafisica, la morale, la politica e le matematiche. È noto fra le altre cose il motto della sua scuola: Νon entri nessuno se non è geometra. Vedi la nota d’Is. Casaubono al detto passo. (17 novembre 1820). [p. 398 modifica]

*   Ripetono spesso gli apologisti della religione che il mondo era in uno stato di morte all’epoca della prima comparsa del cristianesimo; che questo lo ravvivò, cosa, dicon essi, che pareva impossibile. Quindi