Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3367

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3367

../3366 ../3368 IncludiIntestazione 28 settembre 2017 100% Saggi

3366 3368

[p. 344 modifica] (se non dell’infimissima) niuno che avesse origine germanica o fosse nato in Germania, [p. 345 modifica]come si conta pur quasi di tutte l’altre provincie e parti dell’impero romano. Quindi è che la Germania, benché suddita latina, benché vicina all’Italia, anzi confinante, come la Francia, e piú vicina assai che la Spagna, non ammise l’uso della lingua latina, e non parla latino (cioè una lingua dal latino derivata), ma conserva il suo antico idioma (forse anche fu cagione di ciò e delle cose sopraddette, che la Germania non fu mai intieramente soggiogata, né suddita pacifica, come la Spagna e le Gallie, sí per la naturale ferocia della nazione, sí per esser ella sui confini delle romane conquiste, e prossima ai popoli d’Europa non conquistati, e nemici de’ romani, e sempre inquieti e ribellanti, onde ad essa ancora nasceva e la facilità e lo stimolo e l’occasione e l’aiuto e il comodo di ribellare). Senza ciò la lingua latina avrebbe indubitatamente spento la teutonica, né di essa resterebbe maggior notizia o vestigio che della celtica e dell’altre che la lingua latina spense affatto in Ispagna e in