Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/337

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Pagina 337

../336 ../338 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

336 338

[p. 399 modifica] sottile vi volevano lumi molto piú profondi, sottili e universali di quelli d’allora. Tali sono quelli d’oggidí, cosí perfetti che sono interamente sterili d’errore e da essi non può derivare error piú sottile, come dai lumi antichi, il quale pur dia qualche vita al mondo. Ai mali della filosofia presente non c’é altro rimedio che la dimenticanza e un pascolo materiale alle illusioni.


*   Del resto è vero che il cristianesimo ravvivò il mondo illanguidito dal sapere, ma siccome, anche considerandolo com’errore, era appunto un errore nato dai lumi e non dall’ignoranza e dalla natura, perciò la vita e la forza ch’ei diede al mondo, fu come la forza che un corpo debole e malato riceve da’ liquori spiritosi, forza non solamente effimera, ma nociva e produttrice di maggior debolezza. Applicate quest’osservazione 1°, alla poca durata della vera e primitiva forza del cristianesmo sotto ogni rapporto, in paragone dell’infinita durata della forza degl’istituti e religioni antiche, per esempio presso i romani; 2°, alla qualità di questa forza, tutta tetra, malinconica ec. in paragone della freschezza, della bellezza, allegria, varietà [p. 400 modifica]ec. della vita antica: conseguenza naturale della