Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3462

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3462

../3461 ../3463 IncludiIntestazione 29 novembre 2017 100% Saggi

3461 3463

[p. 401 modifica] essi vollero introdurre un nuovo genere di opinioni popolari nella nazione e farne materia di lor poesia; né supposero falsamente un genere, un sistema di opinioni popolari che nella nazione non esisteva, ma su di quel ch’esisteva in effetto innestarono, fabbricarono, lavorarono. Similmente i greci, da qualunque luogo pigliassero la loro mitologia, certo è che di là presero eziandio la loro religione popolare, e che tra’ greci il sistema greco religioso e mitologico, quanto alla sostanza, alla natura, alla principal parte ed al generale, non fu prima de’ poeti che del popolo. E se i letterati greci si giovarono, come si dice, delle letterature o dottrine ec. egizie, indiane o d’altre genti, non adottarono perciò nelle loro finzioni ch’avessero ad esser popolari e nazionali ec. le mitologie d’esse nazioni. L’aver noi dunque ereditato la letteratura greca e latina, l’esser la nostra letteratura modellata su di quella, anzi pure una continuazione, per cosí dire, di quella, non vale perch’ella possa ragionevolmente usare la mitologia greca né latina al modo che quegli [p. 402 modifica]antichi l’adoperavano. Giacché non abbiamo già noi colla