Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3624

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3624

../3623 ../3625 IncludiIntestazione 25 settembre 2015 100% Saggi

3623 3625

[p. 70 modifica] e natia ec., parmi evidente che vermiculus per rubicondo, purpureo ec. fu dell’antico volgare latino altrettanto che de’ moderni, e di là viene. Vedi il glossario se ha nulla. Vedi anche il Forcellini circa il proprio color della porpora o purpureo, in purpura, purpureus ec. Secondo lui però la porpora si faceva non con vermi, ma con una sorta di conca marina detta purpura. Il color coccineus si facea colla grana. Il conchyliatus colla stessa conchiglia detta purpura, o con altra simile ec. Certo la nostra cocciniglia è un color fatto d’una specie di vermi, che anch’essi si chiamano cocciniglie. Cosí conchylium è la conchiglia e il colore che se ne fa. Cosí dunque vermiculus fu il verme e il colore. Similmente coccum, conchylium, κογχύλιον, sono sí la grana o la conchiglia, sí la lana, il panno, la veste, il filo, tinti con esse. Fucus si trova eziandio pel colore fatto del fuco (7 ottobre 1823). Vedi p. 3632.


*    Purgito as da purgo as (7 ottobre 1823).


*    Il v non fu che un’aspirazione che si metteva, per evitare l’iato, fra piú vocali; e tralasciavasi spessissimo ec. ec., come altrove in piú luoghi.