Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/4254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 4254

../4253 ../4255 IncludiIntestazione 18 settembre 2019 100% Saggi

4253 4255

[p. 193 modifica] subito. Forse che queste cognizioni e idee sono in lui innate? Non già: ma egli sente in se ben tosto, e nelle cose che lo circondano, che i corpi son gravi. Questa esperienza, in un batter d’occhio, gli dà l’idea della gravità, e gliene forma in testa un principio: del quale di là a pochi momenti gli parrebbe assurdo il dubitare, e il quale ei non si ricorda poi punto come gli sia nato nella testa. Il simile accade appunto nei principii e morali e intellettuali. Ma le idee fisiche [p. 194 modifica]ognun concede e afferma non essere innate: le morali, signor sí, sono. Buona pasqua alle signorie vostre (9 marzo 1827, Recanati).


*    Pregiudicato, spregiudicato. Volgare italiano.


*    Gratito as avi atum. Mutito. Mutuito. Vedi Forcellini


*    Ho notato che i continuativi dai verbi della prima coniugazione si fanno in ǐto, e possono perciò essere insieme o parimente frequentativi, come mussito ec. Similmente i continuativi formati da’ verbi che hanno i supini in ǐtum (usitati o antichi), come domito, agito ec. Ma non so s’io abbia notato che dai verbi della quarta, supini in ītum si fanno i continuativi in īto (non ĭto), i quali perciò non si possono confondere coi frequentativi, malgrado la desinenza in ito, come per esempio dormīto as.


*    «I know, by my own experience, that the more one works, the more willing one is to work. We are all, more or less, des animaux d’habitude. I remember very well, that when I was in business, I wrote four or five hours together every day, more willingly than I should now half an hour». Chesterfield, Letters to his son, lett. 318. «I have so little to do, that I am surprised how I can find time to write to you so often. Do not stare at the seeming paradox; for it is an undoubted truth, that the less one has to do, the less time one finds to do it in. One yawns, one procrastinates; one can do it when one will, and therefore one seldom does it at all; whereas those who have a great deal of business, must (to use a vulgar expression) buckle to it; and then they always