Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/4396

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 4396

../4395 ../4397 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 75% Saggi

4395 4397

[p. 333 modifica] ionica), prevalevano nella memoria; ed essendo poveri, ne sostentavano la vita con andar cantando i poemi d’Omero per le città della Grecia; de’ quali essi eran’Autori; perch’erano parte di que’ popoli, che vi avevano composte le loro Istorie;(pag. 404)» che quest’Omero sia egli stato un’Idea, ovvero un Carattere Eroico d’uomini greci, [p. 334 modifica]in quanto essi narravano cantando le loro storie; «(pag. 403)» l’Omero Autor dell’Iliade avere di molt’età preceduto l’Omero Autore dell’Odissea; (pag. 405). che quello fu dell’Oriente di Grecia verso Settentrione, che cantò la Guerra Trojana fatta nel suo paese: e che questo fu dell’Occidente di Grecia verso mezzodí, che canta Ulisse, ch’aveva in quella parte il suo Regno; (pag. 405). e, dicendo l’autor περὶ ὕψους che Omero compose giovane l’Iliade e vecchio l’Odissea, «che Omero compose giovine l’Iliade, quando era giovinetta la Grecia; e ’n conseguenza ardente di sublimi passioni, come d’orgoglio, di collera, di vendetta; le quali passioni non soffrono dissimulazione ed amano generosità; onde ammirò Achille Eroe della Forza: ma vecchio compose poi l’Odissea, quando la Grecia aveva alquanto raffreddato gli animi con la riflessione: la qual’è madre dell’accortezza; onde ammirò Ulisse Eroe della Sapienza. Talché a’ tempi d’Omero giovine a’ popoli della Grecia piacquero la crudezza, la villania, la ferocia, la fierezza, l’atrocità: a’ tempi d’Omero vecchio già gli dilettavano i lussi d’Alcinoo, le delizie di Calipso, i piaceri di Circe, i canti delle Sirene, i passatempi de’ Proci, e di, nonché tentare, assediar’e combattere le caste Penelopi