Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/4484

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 4484

../4483 ../4485 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 75% Saggi

4483 4485

[p. 417 modifica] but était le plus noble de tous sans doute; mais n’importe, rien ne dénature les ouvrages d’imagination comme d’en avoir un (5me édit., Paris, 1812, t. I. p. 317).

        LeopardiPensieri, VII.      27 [p. 418 modifica]


*    Errori popolari degli antichi. Parlerò di questi errori leggermente, come storico, senza entrare a filosofare sopra ciascuno di essi e sopra la materia a cui appartengono; cosa che mi menerebbe in infinito, e vorrebbe non un Trattatello, ma un gran Trattato. In questo secolo, stante la filosofia, e stante la liaison che hanno acquistata tutte le cognizioni tra loro, ogni menomo soggetto facilissimamente diviene vastissimo. Tanto piú è necessario, volendo pur fare un libro, che uno sappia limitarsi, che attenda diligentemente a circoscrivere il proprio argomento, sí nell’idea de’ lettori, e sí massimamente nella propria intenzione; e che si faccia un dovere di non trapassare i termini stabilitisi (chi non sa circoscrivere, non sa fare: il circoscrivere è parte dell’abilità negl’ingegni, e piú difficile che non pare. Vedi p. 4450, capoverso 6). Altrimenti seguirà o che ogni libro sopra ogni tenuissimo argomento divenga un’enciclopedia, o piú facilmente e piú spesso, che un autore, spaventato e confuso dalla vastità di ogni soggetto che gli si presenti, dalla moltitudine delle idee che gli occorrano sopra ciascuno, si perda d’animo, e non ardisca piú mettersi a niuna impresa. Il che tanto piú facilmente accadrà, quanto la persona avrà piú cognizioni e piú ingegno, cioè quanto piú sarà atto a far libri (6 aprile 1829). - Io non presumo con questo libro istruire, solo vorrei dilettare.