Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/456

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 456

../455 ../457 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

455 457
[p. 481 modifica]

     Dum domus Aeneae Capitoli immobile saxum
     Adcolet, imperiumque pater Romanus habebit.

Virg., Aen. IX, 446.


*                                 Usque ego postera
     Crescam laude recens, dum Capitolium
     Scandet cum tacita virgine pontifex.
                          Horat. , Carm., III, od. 30, v. 7.


*   Roma non è piú la regina del mondo, né il padre romano tiene le redini dell’imperio, né il pontefice ascende piú al Campidoglio colla vestale, e questo da lunghissimo tempo; e tuttavia si leggono ancora i versi di Virgilio, e Niso ed Eurialo non son caduti dalla memoria degli uomini, e dura la fama di Orazio. La fortuna giuoca nel mondo, e certo questi poeti non s’immaginavano che il tempo dovesse penar piú a distruggere i versi loro che l’immenso e saldissimo imperio romano, opera di tanti secoli. Ma quelle carte sono sopravvissute a quella gran mole per mero giuoco della fortuna, la quale ha distrutte infinite altre opere degli antichi ingegni, e conservate queste oltre allo spazio segnato dalla stessa speranza, dallo stesso amor proprio, dalla stessa forza immaginativa de’ loro autori. (23 dicembre 1820).