Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/470

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 470

../469 ../471 IncludiIntestazione 25 settembre 2010 100% Da definire

469 471


[p. 9 modifica] opere) ξὺν per σὺν, e cosí nei composti, dov’entra questa preposizione: [p. 10 modifica]consuetudine ch’io credo familiare a Tucidide (2 gennaio 1821).


*    Quello che si è detto di sopra intorno ai proemi particolari di ciascun libro K. A. eccetto il primo, non è vero nel sesto, il quale non ha proemio nessuno. Se non che il capo 3° cominciando con un breve epilogo, ho creduto lungo tempo che i due capi precedenti appartenessero al 5° libro, e il sesto cominciasse col 3° capo. È però vero che il detto epilogo non rinchiude se non le cose dette ne’ due capi antecedenti, e non tutto il detto nella parte superiore dell’opera, come ciascun altro proemio premesso ai diversi libri (3 gennaio 1821).


*    La natura non è perfetta assolutamente parlando, ma la sola natura è grande e fonte di grandezza. Perciò tutto quello che è, o si accosta al perfetto, secondo la nostra maniera astratta di considerare, non è grande. Osservatelo in tutte le cose: nelle opere di genio, poesia, belle arti ec., nelle azioni, nei caratteri, nei costumi, nei popoli, nei governi ec. Un uomo perfetto, non è mai grande. Un uomo grande, non è mai perfetto.